Libri Novita in libreria 2011 ] Libri Novita in libreria 2010 ] Libri Novita in libreria 2009 ] Libri Novita in libreria 2008 ] Libri Novita in libreria 2007 ] [ Libri Novita in libreria 2006 ] Libri Novita in libreria 2005 ] Libri Novita in libreria 2004 ] Interviste e articoli di Elisabetta Bernardini ] Indice autori ]

  Pagina superiore ]

 

    Mappa del sito

 

 

Interviste e articoli

Libri

Novità in Libreria   2006

a cura di Elisabetta Bernardini

 

 

FABBRI EDITORI – RCS LIBRI

LETTERATURA PER RAGAZZI

 

BUONGIORNO, BUONASERATI VOGLIO BENE -  un clown tra i ragazzi di strada di ALBERTO RIVAROLI  -  ED. FABBRI  -   EURO 9,50

 

Quando Corina incontra il clown Miloud, non può immaginare che la sua vita è a una svolta. Difficile pensare a un futuro, per un’adolescente che dorme nelle fogne di Bucarest, e passa le giornate a rubare e sniffare colla. Miloud dà spettacolo nelle piazze,  Corina e altri ragazzi come lei gli si avvicinano. E’ l’inizio di un’avventura.  Nasce una compagnia di teatro da strada, poi un’associazione, Parada. E quei ragazzi cominciano a sperare.  

“Quando ho conosciuto Miloud, credevo che la cosa più importante fosse riconquistare una vita normale. Mi sbagliavo, ma l’ho capito solo qualche anno dopo; la cosa che veramente conta, la più difficile, è vivere normalmente senza stupirsene. Dormire in un letto, mangiare in un piatto, avere un bagno per lavarsi. Solo quando tutto questo ti sembra naturale, puoi davvero ripartire.”

 

 

LA CASA ALLA DERIVA – il primo viaggio di DALE PECK  -  ED. FABBRI   -   EURO 16,90

 

Dopo il crollo delle Torri Gemelle, Mr e Mrs Oakenfeld decidono di mandare i loro bambini lontano da New York e di affidarli alle cure di zio Farley. Susan, Charles e il piccolo Murray, non appena arrivano a Baia dell’Eternità, si accorgono subito che c’è qualcosa di strano: Casa Deriva, l’imponente edificio a tre piani nel quale abiteranno con lo zio, giace sbilenco al centro di un prato verde. Più che una casa sembra un vascello arenato, con tanto di cannoni e giunture a tenuta stagna. Ma è soprattutto una volta entrati a Casa Deriva che i fratelli Oakenfeld dovranno confrontarsi con misteri e situazioni inspiegabili, pappagalli parlanti e radio che trasmettono musica d’altri tempi. Finché un giorno Casa Deriva inizia a oscillare, e un’affascinante scorbutica sirena bussa alla loro porta. Ha così inizio un lungo viaggio tra pirati e rane giganti, balene e regni sottomarini, che condurà Casa Deriva ai confini del tempo. 

“La storia  e la fisica sono due modi per considerare il tempo, ma io preferisco una terza prospettiva. Una prospettiva molto più personale.”Dale Peck, critico e autore di numerosi romanzi per adulti, vive a New York. Questo è il suo primo libro per ragazzi, l’inizio di una trilogia.

 

 

KIKI STRIKE - DENTRO LA CITTA’ OMBRA  dI  KIRSTEN MILLER     -  ED. FABBRI   -   EURO 15,90

 

Un uggioso mattino di novembre Ananka Fishbein si affaccia alla finestra della sua camera e scopre che una voragine ha inghiottito il giardinetto davanti a casa. Dalla buca emerge una creatura ricoperta di fango che la saluta con la mano prima di rituffarsi nel vuoto.Senza pensarci due volte, Ananka si cala lungo una sudicia corda all’inseguimento della strana creatura e si ritrova in una stanza sotterranea. E’ l’inizio dell’avventura che porterà Ananka e una banda di ragazzine scout alquanto alternative nei meandri della Città Ombra, guidate dalla misteriosa Kiki Strike…

“Una banda di ragazze senza paura, una città segreta sotto Manhattan, un milione di ratti famelici, scheletri e tesori nascosti… benvenuti nel mondo di Kiki Strike.”

www.kikistrike.com

 

 

EDITRICE  La Giuntina

 

LA SOCIETA’ DELLE MANDORLE  - come Assisi salvò i suoi ebrei dI  PAOLO MIRTI           Ed. La Giuntina    -     EURO 15,00

PREFAZIONE DI WALTER VELTRONI

 

 

“Noi ebrei rifugiati in Assisi non ci dimenticheremo mai di ciò che è stato fatto per la nostra salvezza. Perché, in una persecuzione che annientò sei milioni di ebrei, ad Assisi nessuno di noi è stato toccato”. Così Il prof. Emilio Viterbi, docente all’Università di Padova, raccontò la sua esperienza di rifugiato ebreo in Assisi. Assieme a lui molti furono, a partire dall’autunno 1943, gli ebrei che cercarono rifugio ad Assisi, cercando di confondersi con le centinaia di sfollati che arrivarono nella città di San Francesco.   Nacque così in città una vera e propria organizzazione clandestina di soccorso agli ebrei, coordinata dal Vescovo Monsignor Giuseppe Placido Nicolini e dal giovane Sacerdote Don Aldo Brunacci, nella quale erano attivi anche Padre Rufino Niccacci, guardiano di S. Damiano, il Santuarista del Sacro Convento p. Michele Todde e il tipografo assisano Luigi Brizi insieme a suo figlio Trento. I nascondigli preferiti, in quanto più sicuri, furono i monasteri femminili di clausura: quelli delle Clarisse, delle Suore Cappuccine Tedesche, delle Stimmatine, delle Benedettine di S. Apollinare, delle Collettive, delle Benedettine di S. Apollinare.

Il libro racconta, sulla base di testimonianze e documenti inediti ed attraverso una scrittura lirica ma attenta alle esigenze del ritmo narrativo, la storia di ordinario eroismo che ha visto protagonista una città intera, cercando di unire al rigore della ricostruzione storica la piacevolezza del romanzo. Il canonico Don Aldo Brunacci, il cui racconto è stato una fonte di notizie essenziale per questo libro, ha ricevuto dal Presidente Ciampi l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce per l’opera prestata in favore dei rifugiati ebrei in Assisi. Il titolo del volume, La società delle mandorle, si ricollega a quella “societas amandolarum” documentata ad Assisi nel ’300 e operante in Piazza del Comune, gestita in società da un ebreo e da un cattolico. Proprio questa società viene assunta a simbolo della felice convivenza tra le due comunità che caratterizzò la storia assisana in una determinata fase storica.

 

L’AUTORE

Paolo Mirti, 45 anni, di professione dirigente pubblico, è giornalista, autore di testi teatrali e collabora a diversi quotidiani e periodici. È da sempre appassionato della storia di Assisi, città nella quale ha in passato ricoperto l’incarico di assessore alla cultura.

Il romanzo storico, realizzato sulla base di alcune testimonianze dei protagonisti tuttora viventi, contribuisce a far luce su una pagina gloriosa della storia italiana, ma ancora poco nota al grande pubblico.

La storia degli ebrei salvati ad Assisi è invece molto nota nella comunità ebraica degli Stati Uniti, grazie al romanzo di Alexander Ramati Assisi Underground e al film ad esso ispirato prodotto negli anni ’80 ed interpretato, tra gli altri, da Ben Cross e James Mason.

 

 

BOMPIANI  EDITORE

 

IMMIGRATO   di MARIO FORTUNATO e SALAH METHNANI

ED. BOMPIANI – romanzi e racconti   -   EURO 6,50

 

Pubblicato per la prima volta nel 1990 e da almeno dieci anni introvabile, questo è il primo libro sul mondo dell’immigrazione in Italia, raccontato dall’interno. Trascritta da Mario Fortunato, la storia vera di Salah Methnani è il lungo viaggio di un ragazzo di Tunisi attraverso un’Italia tollerante e insieme razzista, generosa eppure violenta: da Palermo a Napoli, Roma, Firenze, Padova, Torino, e finalmente a Milano, nel cuore di un Occidente che non è poi così ricco e civile come si fantasticava. La sua è la storia di una disillusione ma anche di una presa di coscienza finale, che, in un inedito capitolo scritto per la presente edizione, lo porterà a guardare i nuovi fenomeni dell’integralismo islamico e del terrorismo internazionale con gli occhi di chi crede che lo scontro di civiltà sia solo un’invenzione dei potenti della terra: nel Nord come nel Sud del mondo. Tenero, commovente, crudele, Immigrato ha vinto nel 1990 il Premio Internazionale Pier Paolo Pasolini.

 

MARIO FORTUNATO è direttore della Fondazione Antonio Ratti. Tra i suoi numerosi libri ricordiamo La casa del corpo (1987), Luoghi naturali (1988), Il primo cielo (1990), Sangue (1992), Passaggi paesaggi (1993), Amore, romanzi e altre scoperte (1999) e L’amore rimane (2001). È coautore, insieme al regista Peter Del Monte, della sceneggiatura del film “Compagna di viaggio” (1996), con Michel Piccoli e Asia Argentovincitore di vari premi nazionali e internazionali. Nel 2001 ha realizzato per la BBC un documentario su Umberto Eco. 

 

 

 

VITA DI MARCO POLO VENEZIANO  di ALVISE ZORZI

ED. BOMPIANI – biografie tascabili  -   EURO 10,00

 

Quanti finora hanno studiato e narrato la vita di Marco Polo, hanno spesso sottovalutato la chiave essenziale della conoscenza e della comprensione del personaggio: la venezianità che lo straordinario viaggiatore portò con sé fino ai confini dell’universo e trasfuse nel suo magistrale réportage, Il Milione. Il libro di Zorzi gioca per la prima volta fino in fondo la carta originalissima delle contrapposizioni e delle analogie tra la civiltà veneziana e il caleidoscopio delle civiltà orientali, in una varietà di scene, immagini, personaggi e vicende. La stessa instancabile curiosità che fu di Marco anima la personalissima ricostruzione dell’autore, condotta con ritmo incalzante e scintillante vivacità nonostante il rigoroso metodo scientifico, e ci accompagna verso terre popolate da genti strane e diverse, attraverso le prigioni di Genova, fino all’ombra del campanile di S. Marco

 

ALVISE ZORZI, veneziano, è stato vicepresidente dell’Unione Europea di Radiodiffusione ed è attualmente presidente dell’Associazione dei Comitati Privati Internazionali per la salvaguardia di Venezia e del Comitato per lapubblicazione delle Fonti per la storia di Venezia. È autore di numerose opere sulla storia e sulla civiltà veneziane; la più recente è Il colore e la gloria - Vita, fortuna e passioni di Tiziano Vecellio. 

 

 

SPERLING&KUPFER    WWW.SPERLING.IT

 

LA GRANDE BUGIA  –  le sinistre italiane e il sangue dei vinti  -  di GIAMPAOLO PANSA       

ED. SPERLING&KUPFER  -  EURO 18,00

 

Per decenni la guerra di liberazione è stata blindata dal PCI che ne fu il principale protagonista, in una sorta di mito fondativo della Repubblica, al riparo da qualunque critica. A violare il silenzio istituzionale ci ha pensato il nuovo capo dello Stato Giorgio Napolitano, che nel primo messaggio al Parlamento, ha ricordato la Resistenza, certo, ma anche le sue zone d’ombra, gli eccessi, le aberrazioni. Una schiettezza ancora più apprezzabile perché viene proprio da un leader politico cresciuto nella famiglia comunista. Che cosa è intervenuto per far emergere questa verità persino al Quirinale? Forse devono aver influito pure i libri di Giampaolo Pansa sulla guerra civile. Un lungo racconto iniziato nel 2002 con I Figli Dell’Aquila, e proseguito con Il Sangue Dei Vinti e Sconosciuto 1945 . Ora il racconto si conclude con La Grande Bugia. E’ un testo diverso dai precedenti. Anche qui il lettore troverà nuove testimonianze emerse dal mondo dei fascisti sconfitti. Ma il cuore del libro è un altro ed è rivolto all’oggi. C’è il diario delle esperienze di Pansa come autore di ricerche sulla guerra interna. C’è la sua risposta alle stroncature più acide. E infine la ricostruzione di vicende accadute a personaggi che, prima di lui sono passati sotto le forche caudine di chi rifiutava qualsiasi revisione della Grande Bugia. Ossia del ritratto reticente, incompleto, spesso falso e dunque bugiardo della nostra guerra civile, che le sinistre italiane hanno costruito e protetto per sessant’anni.  a Grande Bugia, è stata anche lo scudo dietro cui si sono nascosti tanti di coloro che hanno cercato di screditare il lavoro di Pansa. L’autore ripercorre le loro ripetute aggressioni in una narrazione puntigliosa e animata da una cattiveria allegra, dove i protagonisti, citati con nome e cognome, sono quelli che uno storico, pure avverso ai libri di Pansa, ha definito i Guardiani del Faro Resistenziale.

Politici di ogni calibro. Baronetti universitari. Capi del reducismo partigiano. Esorcisti del diavolo revisionista. Antifascisti autoritari. Direttori di giornali post-comunisti. Presunti opinion-leaders. Presenzialistidel circo televisivo. E più di un furbetto del quartierino storiografico, sempre pronto a salire in cattedra con il ditino alzato. Pagina dopo pagina queste figure e figurine vengono descritte nella loro sterile faziosità. La Grande Bugia, è un libro di battaglia politica e civile, talvolta velenosa, ma sempre sorridente. Nel megastore librario italiano mancava da tempo un testo così. Anche per questo i lettori lo apprezzeranno.

L’AUTORE

Giampaolo Pansa, nato a Casale Monferrato nel 1935, scrive per L’Espresso e  la Repubblica. Con la S&K ha pubblicato numerosi saggi e romanzi di grande successo.Tra questi I Nostri Giorni Proibiti, vincitore del Premio Bancarella.

 

 

anemone porpurea

 

L’ITALIANO DELLE PAROLE. Appunti per una politica linguistica

di ALESSANDRO MASI   -    ED. ANEMONE PURPUREA (Collana Eventi) - Euro 18,00

Prefazione di Gianni Letta

“L’ITALIANO DELLE PAROLE”, ricapitola il percorso complesso del cammino che fa della lingua italiana l’emblema di una nazione, simbolo apprezzato di un valore di cultura e di civiltà oggi universalmente riconosciuto.

Questo libro talvolta è anche un ruvido graffiare sulle porte del potere quando questo significa ristabilire la giustizia ad un torto subito.

Il riferimento è alle spesso discutibili decisioni di estromettere le traduzioni in lingua italiana prese dalla Commissione Europea contro le quali la DANTE ALIGHIERI, come pure l’ACCADEMIA DELLA CRUSCA, hanno ritenuto opportuno ribellarsi. In queste pagine vibra tutta l’Italia fuori dall’Italia vista da noi italiani, ma vibra anche tutta l’Italia dentro l’Italia, con le esigenze dei tempi nuovi e con le mutate condizioni della società.  

L’ autore – Alessandro Masi, critico e storico dell’arte, è segretario generale della Società Dante Alighieri. E’ autore di importanti studi tra cui: “Giuseppe Bottai”, “La politica delle arti  1918-1943”, e “Zig Zag, Il romanzo futurista”.

Questa raccolta di saggi apparsi periodicamente sul quotidiano “Il Tempo” di Roma, rappresenta una programmatica presa di coscienza del valore etico della nostra lingua quale elemento di coesione di un popolo e fondamento di un dialogo culturale aperto al mondo e alla storia.

 

 

 

 

STORIA DELL’UNIONE EUROPEA  -  di EMILIO R. PAPA   -   EURO 11,00   

Dalle utopie di un organismo sovra-nazionale capace di mantenere la pace al clamoroso esito dei referendum sulla costituzione, la vivida ricostruzione della contrastata genesi dell’Unione Europea. In questo volume, Emilio Papa si sofferma sulle figure di maggior spicco che hanno teorizzato l’auspicabilità e posto le fondamenta della realizzazione dell’Unione, lo sviluppo delle istituzioni comunitarie, le varie concezioni europeiste e la natura delle resistenze che ostacolano il processo d’integrazione. Le tappe della costruzione dell’Unione Europea ne emergono con avvincente limpidezza e precisione, dalle radici nella grecità e nel cristianesimo fino alla creazione della CEE e dell’EURATOM, al trattato di Maastricht e ai referendum del 2005 per la ratifica del documento che istituisce una Costituzione per l’Europa Emilio R. Papa, storico e giurista, ordinario di Storia contemporanea all’Università di Bergamo, già docente di Storia delle costituzioni moderne, ha precedentemente insegnato nelle Università di Bologna e Torino. È autore di numerose monografie. Per Bompiani ha pubblicato nel 1994 Storia della Svizzera (edizione riveduta e aggiornata nel 2004).

 

 

A PASSO DI GAMBERO   - Guerre  calde e populismo mediatico  -  di UMBERTO ECO    -    EURO 17,50 

Gli scritti di questo libro sono apparsi tra inizio 2000 e fine 2005, negli anni dell’11 settembre, delle guerre in Afghanistan e in Iraq, dell’instaurazione in Italia di un regime di populismo mediatico. Leggendoli ci si accorge che sin dalla fine dello scorso millennio si  sono verificati drammatici passi all’indietro. Dopo la caduta del Muro di Berlino si erano dovuti riesumare gli atlanti del 1914, e da tempo le nostre famiglie ospitavano di nuovo servi di colore, come in Via col vento. A poco a poco col videoregistratore si è passati  dalla televisione al cinematografo, con Internet e le pay-tv Meucci l’ha avuta vinta su Marconi (telegrafia con i fili) e ora l’i-Pod ha reinventato la radio. Terminata la Guerra Fredda , abbiamo avuto con l’Afghanistan e l’Iraq il ritorno alla Guerra Calda; riesumando il Grande Gioco kiplinghiano, si è tornati allo scontro tra Islam e Cristianità, compresi gli Assassini suicidi del Veglio della Montagna, e al grido di “mamma li turchi!” È risorto il fantasma del Pericolo Giallo, è stata riaperta la polemica antidarwiniana del XIX secolo, abbiamo di nuovo l’antisemitismo e i fascisti (per quanto molto post, ma alcuni sono ancora gli stessi) al governo, si è riaperto il contenzioso post-cavouriano tra Chiesa e Stato. Sembra quasi che la Storia , affannata per i balzi fatti nei due millenni precedenti, si riavvoltoli su se stessa, marciando velocemente a passo di gambero. Questo libro non propone tanto di tornare a marciare in avanti, quanto di arrestare almeno un poco questo moto retrogrado.

 

UMBERTO ECO è nato ad Alessandria nel 1932. È ordinario di Semiotica e Presidente della Scuola Superiore di Studi Umanistici presso l’Università di Bologna. Tra le sue opere di saggistica ricordiamo: Opera aperta (1962), La struttura assente (1968), Trattato di semiotica generale (1975), Lector in fabula (1979), Semiotica e filosofia del linguaggio (1984), I limiti dell’interpretazione (1990), La ricerca della lingua perfetta (1993), Sei passeggiate nei boschi narrativi (1994), Kant e l’ornitorinco (1997), Sulla letteratura (2002), Storia della bellezza (2004). Inoltre, tra le sue raccolte, vanno menzionate: Diario Minimo (1963), Il secondo Diario Minimo (1990), che comprende una prima antologia di Bustine di Minerva, i Cinque scritti morali (1997) e La Bustina di Minerva (2000). Nel 1980 ha esordito nella narrativa con Il nome della rosa (Premio Strega 1981), seguito nel 1988 da Il pendolo di Foucault, nel 1994 da L’isola del giorno prima, nel 2000 da Baudolino e nel 2004 da La misteriosa fiamma della regina Loana.

 

PERCHE’ L’EUROPA GUIDERA’ IL XXI SECOLO  di MARK LEONARD    -     EURO 16,00

Introduzione di Romano Prodi 

Rovesciando lo stereotipo della  decadenza politica dell’Europa, Mark Leonard spiega perché il modello europeo sia in grado di creare un consenso che renderà quello che ci attende   “un nuovo secolo europeo”.  

L’opinione pubblica, soprattutto americana, vede nell’Europa un dinosauro debole e inaffidabile, pigro e idealista, con la sua decrepita fiducia nelle istituzioni e nel diritto internazionale, del tutto inadatto ad affrontare il mondo post-11 settembre. L’era dell’Europa, a causa delle sue frammentazioni interne, della sua mancanza di investimenti militari, della sua ossessione per lo stato sociale e il diritto, sarebbe ormai tramontata. Spaziando dalla politica all’economia, dalla diplomazia ai sistemi bancari, l’autore di questo libro esamina le ragioni che fanno prevedere al contrario l’espansione pervasiva del potere “debole” europeo nel mondo del secolo appena iniziato, imponendosi sull’inadeguatezza, la violenza, la capacità di generare ostilità – sottomissione ma non consenso – dell’impero americano.  Perché l’Europa guiderà il 21° secolo è in corso di traduzione in 15 paesi del mondo,  e Mark Leonard sarà presente al Salone del libro di Torino.

MARK LEONARD è il fondatore del Foreign Policy Center di Londra, centro di ricerca sui rapporti tra l’Europa, gli Stati Uniti, l’Estremo Oriente e il mondo arabo.  Collabora con il “Daily Telegraph”, “The Economist”, “The Financial Times”, “The Independent”, “The Times”. 

EDITRICE La Giuntina  

IL MIO CAMMINO DI EBREO E TEDESCO e altri saggi Di JACOB WASSERMANN  -  a cura di Lorella Bosco  -  EURO 13,00

Nell’autobiografia Il mio cammino di tedesco e di ebreo, pubblicata nel 1921, Jakob Wassermann ripercorre la sua vita e i momenti salienti della sua produzione letteraria all’insegna della sua conflittuale identità di ebreo e tedesco. Consapevole delle radici ebraiche, egli rivendica il suo ruolo nella cultura e nella letteratura tedesca, il suo profondo senso di appartenenza alla lingua e al paesaggio che costituiscono per lui la patria. Ma lo scrittore è dolorosamente conscio dei limiti e della fine del sogno illuminista di perfetta conciliazione fra Ebrei e Tedeschi. La lucida percezione della mancanza di prospettive dell’ebraismo tedesco davanti al montare di un cieco antisemitismo alimentato da assurde teorie razziali fa di questo libro un documento unico e prezioso, dolente, ma non rassegnato,della dura realtà delle relazioni ebraico-tedesche nel decennio precedente la barbarie nazista.

La lucidità e la passione del libro, l’acuta analisi della situazione tedesca nel momento in cui la Germania sta per iniziare la sua discesa nella barbarie nazista e l’instancabile ricerca di una giustizia senza pregiudizi, condannata però a rimanere insoddisfatta, costituiranno per il pubblico odierno un’occasione per riflettere sull’importanza di valori qualil’umanità, il rispetto e la tolleranza, anche oggi esposti alla minaccia del fanatismo e dell’odio razziale e religioso.L’AUTOREJakob Wassermann nasce a Fürth, una cittadina della Franconia (Germania meridionale), nel 1873 da genitori di origine ebraica. La sua infanzia povera e infelice, segnata dalla perdita prematura della madre (1882), verrà descritta e rielaborata in numerose opere letterarie; la vocazione di scrittore in stridente contrasto con i sogni di agiatezza borghese del padre lo spinge a un’esistenza misera ed errabonda da bohémien fino al trasferimento a Monaco nel 1894. Qui inizia un’intensa attività letteraria, collaborando alla rivista Simplicissimus e scrivendo numerosi racconti e romanzi,tra cui Gli ebrei di Zirndorf (1897). Nel 1898 si trasferisce a Vienna, dove stringe amicizia con Arthur Schnitzler e Richard Beer-Hofmann e, nel 1901, sposa Julie Speyer, figlia di un ricco commerciante, da cui divorzierà nel 1926dopo un burrascoso matrimonio per unirsi in seconde nozze a Marta Karlweis. Il successo gli arride: nel 1907 scrive il Caspar Hauser, storia del fallimento degli uomini, delle istituzioni e della Bildung davanti al fenomeno dell’innocenza e delle purezza di cuore. Dopo la guerra si trasferisce ad Altaussee (Stiria). Il romanzo Il caso Maurizius (1928), storia di un errore giudiziario, diventa un bestseller internazionale. Dopo l’ascesa al potere di Hitler nel 1933, Wassermann viene espulso dall’Accademia Prussiana delle Arti. Muore per un infarto ad Altaussee il 1° gennaio 1934.

 

ED. NUTRIMENTI    www.nutrimenti.net  

La casa editrice Nutrimenti, nasce nell’autunno del 2001. La presentazione del primo libro, fissata per il 21 settembre dello stesso anno, rimase a lungo in forse. Solo dieci giorni prima c’era stato l’attentato alle torri gemelle di New York. Pretendere di dar vita a una nuova casa editrice in quei giorni di incertezza globale sembrava un folle azzardo. Ci siamo invece detti che anche in anni difficili e duri, come quelli in cui viviamo, i libri possono essere una guida preziosa, uno strumento per conoscere e capire. Non qualcosa di superfluo, ma di necessario ed essenziale. Come il cibo, nutrimenti per l’appunto. I mesi e gli anni successivi sono stati invece di conforto. Nutrimenti, fondata da due giornalisti e una art director, nasce con due collane, una di saggistica di attualità e una di letteratura di viaggio. Negli anni successivi Nutrimenti ha fatto il suo esordio nella narrativa rivolgendosi in particolare al Sud del mondo e alle culture meno note nel nostro paese. In questo senso, nel 2002 la scelta cadde sulla pubblicazione del libro Una figlia di Iside, l’autobiografia di Nawal El Saadawi, medico e scrittrice egiziana che da decenni si batte per i diritti delle donne arabe. Nel 2004 la proposto ai lettori italiani è stato uno dei più grandi narratori cinesi del Novecento, Shen Congwen, traducendo dieci dei suoi racconti più belli nella raccolta Il vecchio e il nuovo. Per la letteratura di viaggio la traduzione di un libro storico sul deserto libico: Sahara sconosciuto, il racconto dei primi, pionieristici viaggi nel Sahara di László Almásy, esploratore ungherese, la figura reale a cui si è ispirato il film Il paziente inglese. Alla fine del 2005 i titoli in catalogo sono 45, fra cui tre importanti nuove traduzioni: Isla África di Ramón Lobo, il romanzo-verità di uno dei maggiori cronisti di guerra di El País, ambientato in una Sierra Leone devastata dalla guerra civile e dal dramma dei bambini soldato; L’ultimo dandy di Klaas Huizing, un raffinato gioco letterario in cui, a passeggio nell’aldilà, il filosofo Sören Kierkegaard ricostruisce, con l’aiuto di Thomas Mann, la propria personale biografia di dandy; Lechaim di Michaël Sebban, un romanzo ironico e di stretta attualità, ambientato in una scuola di Belleville, l’aspra denuncia del fallimento dell’Europa nell’integrazione degli immigrati islamici.  

 

PRIMI E CENTESIMI  - la mia vita nella velocità - di KRISTIAN GHEDINA - con la collaborazione di Gianluca Trivero* - Prefazione di Rolli Marchi - ED NUTRIMENTI  -  Euro 15,00

 

Kristian Ghedina, il più grande discesista italiano di tutti i tempi, l’unico azzurro ad aver trionfato sulla leggendaria Streif di Kitzbühel, si racconta per la prima volta in un libro autobiografico. Lo sciatore ampezzano ripercorre tutte le fasi della sua straordinaria carriera di sportivo e di uomo: l’infanzia cortinese, le prime gare giovanili, la prematura, tragica scomparsa della madre, avvenuta proprio sugli sci, le vittorie e i primati, gli incidenti che hanno scandito la sua vicenda agonistica, ma anche episodi inediti della sua vita più intima e privata.

E poi la sua travolgente ‘follia’, quell’amore per la sfida che nel 2004, sullo schuss finale della pista di Kitzbühel, gli fece compiere il salto con spaccata a quasi 140 Km/h , diventata una delle sue immagini più note. Kristian Ghedina è il discesista che ha vinto di più nella storia dello sci azzurro: 12 vittorie in Coppa del Mondo in oltre 160 discese libere disputate, una vittoria in SuperG, due medaglie d’argento e una di bronzo ai Campionati mondiali. L’attesa del pubblico italiano è interamente rivolta alla sua partecipazione nelle prossime Olimpiadi di Torino, in cui Ghedina ha annunciato che darà l’addio alle gare tentando un risultato storico.

*Gianluca Trivero, giornalista e copywriter, ha pubblicato Lo spettacolo dello sci. Neve, sport e personaggi nella cultura del Novecento (Edizioni del Capricorno, 2004).

 

IL PADRONE DEL VENTO – La lunga vita felice di Agostino Straulino di GIULIANO GALLO -

Ed.Nutrimenti

Storie e leggende del marinaio più celebre d’Italia: dalla medaglia d’oro alle Olimpiadi alle imprese veliche che nessuno è mai riuscito ad imitare. La lunga vita di Agostino Straulino raccontata da quelli che l’hanno conosciuto. I suoi marinai, i suoi allievi, gli amici d’infanzia parlano di un uomo che ha amato e conosciuto il mare come nessun altro. Gli anni dell’adolescenza a Lussinpiccolo, le imprese di guerra, l’oro di Kiel al primo avventuroso viaggio del Corsaro II, il leggendario comando della Vespucci, le vittorie nei Campionati del mondo. Ottant’anni vissuti con letizia, ottant’anni spesi tutti in mare. Un ritratto privato, intimo, fatto non solo di regate. La storia di un uomo ironico e lieve, severo e appassionato. Un uomo che ha amato il mare e la vita.

 

LECHAIM  A TUTTE LE VITE di MICHAEL SEBBAN - EURO 14,50  

Ed.Nutrimenti

Ebreo, figlio di un macellaio di origine algerina, Eli S. insegna in un liceo della periferia parigina. Passa le sue serate a Belleville, il quartiere divenuto famoso con i romanzi di Pennac, nel caffé di un amico, a bere anisette, a mangiare olive e finocchi, a sentire il sapore della sua Algeria. Ai suoi studenti, quasi tutti di origine araba, Eli S. parla della Repubblica e insegna i fondamenti della società francese in cui vivono. Ma la sua è una battaglia disperata. Quei ragazzi non sanno che farsene di quei valori, perché di quella società non vogliono far parte. Un romanzo autobiografico, intelligente e ironico, scritto nello slang multi etnico della periferia parigina, sull’antisemitismo e il fallimento dell’integrazione dei giovani musulmani nelle società occidentali. Michaël Sebban, è nato Bordeaux nel 1966. Ha studiato filosofia e trascorso cinque anni in Israele dove è stato assistente di Benny Lévy, l’ultimo segretario personale di Jean-Paul Sartre. Oggi insegna filosofia in un liceo della periferia di Parigi.

 

LIBRERIA EDITRICE VATICANA        

PERCORSI DI FORMAZIONE SACERDOTALE - A cura di GRAZIANO BORGONOVO e KRZYSZTOF CHARAMSA - EURO 23,00

Il Seminario Internazionale Giovanni Paolo II, con sede a Roma, sotto l’alta direzione della Congregazione per l’Educazione Cattolica, e dei tre Vescovi responsabili, Mons. J. Michael Miller, Mons. Mario Oliveri e Card. Joseph Ratzinger, oggi Papa Benedetto XVI, con il presente volume condivide l’esperienza di un anno formativo, quello dello scorso anno, che ha potuto vedere illustri personaggi della vita ecclesiale ed accademica romana, tutti volti a sollecitare, con interventi vari e diversificati, una risposta sempre più matura alla vocazione del candidato ad essere pastore d’anime.Tutta l’opera di formazione si compie nelle vicinanze della Sede di Pietro, fondamento visibile dell’unità e di tutta la vita della Chiesa, consentendo di respirare così la vera cattolicità della Chiesa,  che comporta anche una universalità geografica,  e la missionarietà della Chiesa che non ha altro scopo se non quello di comunicare il Mistero di Gesù, condurre l’uomo al Regno di Dio, alla vita eterna, per mezzo della conoscenza e della fede in Gesù Cristo.

 

ORDINAMENTO GIURIDICO DELLO STATO DELLA CITTA’ DEL VATICANO di FEDERICO CAMMEO  

PRESENTAZIONE CARD. ANGELO SODANO E APPENDICI DI AGGIORNAMENTO

Riedizione anastatica dell’ Ordinamento giuridico dello Stato Città del Vaticano di Federico Cammeo del 1932, scritto  in un periodo in cui la cultura giuridica italiana diede il meglio di se stessa. In particolare l’opera in questione rimane un modello insuperato di rappresentazione organica del diritto del diritto positivo di uno Stato. Il compito di stendere il diritto del nuovo Stato nato con la Conciliazione , arduo e complesso, venne peraltro portato a termine  nel breve periodo di tempo intercorrente tra la firma dei Patti(11 febbraio 1929) e lo scambio delle ratifiche(/ giugno 1929) Tra i caratteri originali dell’ordinamento vaticano c’è quello di avere, come fonte principale del diritto oggettivo, il diritto oggettivo, il diritto canonico che il Cammeo, pur non cattolico, ammirava e del quale mostrava profonda conoscenza. Molte pagine del Cammeo sono ormai superate in seguito all’evolversi dell’esperienza giuridica a livello italiano, europeo e mondiale; tale evoluzione ha indotto i Papi ad introdurre innovazioni più o meno profonde del disegno originario. L’opera comunque rimane un testo non solo interessante per gli storici del diritto ed i cultori di scienze giuridiche ma anche di permanente utilità per gli studiosi ed i professionisti. Di notevole interesse gli aggiornamenti predisposti dai curatori della presente edizione, insieme all’esauriente e nutrita bibliografia giuridica, italiana e straniera, apparsa dal 1929 ad oggi sulla Città del Vaticano

                                                                                                              

DALLA SPIRITUALITA’ ALLA MISTICA di FRANCESCO ASTI

Il volume approfondisce i rapporti fra la mistica e alcune discipline affini sia ad intra che ad extra della teologia. L’Autore indaga, perciò, sui criteri fondamentali che rendono teologia la stessa Spiritualità. Tale studio segue quello sulla questione metodologica in spiritualità. Entrambi i volumi sono presenti nella collana esperienza e fenomenologia mistica della Libreria Editrice Vaticana diretta da P. Luigi Borriello e dalla dottoressa Marisa del Genio. Il Prof. Asti, sacerdote della diocesi di Napoli, insegna alla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale.


   SPERLING & KUPFER  EDITORI    WWW.SPERLING.IT

 

Sperling&Kupfer nasce nel 1899 per iniziativa di due librai tedeschi:Heinrich Otto Sperling, già proprietario a Stoccarda di un’impresa di distribuzione e commercio librario, e il giovane Richard Kupfer, originario di Lipsia.

Gli esordi avvengono essenzialmente con un’attività di importazione e distribuzione di opere straniere riguardanti il settore tecnico scientifico.I due imprenditori intuiscono però nel mercato italiano un territorio fertile per la diffusione della cultura straniera e vengono avviate iniziative editoriali autonome sulla base di una grande attenzione alla produzione internazionale.

Negli anni Trenta la Sperling &Kupfer conosce un momento di grande sviluppo, nascono infatti in quegli anni due prestigiose collane “Narratori nordici” (1929) e “Pandora”(1931) che avranno una parte determinante nella diffusione della cultura germanica nel nostro paese con autori come T. Mann, S.Zweig, F.Werfel, A.Schnitzler, e H. Hesse.

Dopo un rallentamento delle attività editoriali durante gli anni della guerra e una serie di cambi di proprietà, negli anni Settanta la Casa Editrice , viene rilevata da Tiziano Barbieri Torriani. La linea editoriale resta la stessa: spirito internazionale, grande attenzione all’attualità, decisa apertura alle nuove esperienze.

Con determinazione e intuito Tiziano Barbieri Torriani introduce formule innovative nelle scelte (con il lancio dei grandi best sellers americani sul mercato italiano), nelle strategie di vendita, nei rapporti con i librai e la stampa, dando al marchio una forte impronta di originalità.

Negli anni Ottanta Sperling&Kupfer acquista ancora maggior slancio con l’ingresso nel suo azionariato della Mondadori che, nel 1995, l’acquisisce interamente. Oggi la Casa Editrice vanta un catalogo di oltre 2500 titoli, in sensibile crescita ogni anno, suddiviso per una ventina di collane, dalla narrativa alla saggistica, toccando svariati temi: la letteratura di intrattenimento, l’attualità, l’economia, questioni storiche e politico-sociali, aspetti scientifici e culturali, testimonianze di vita reale, lo sport, il benessere e la manualistica.

Attualmente Sperling&Kupfer è tra le maggiori case editrici italiane, per fatturato e per titoli prodotti.

 


RITRATTO DI RAGAZZA  - Di SALLY BEAUMAN - EURO 17,00 - Sperling & Kupfer Editori 

Nel cuore di un’Inghilterra rurale, durante l’estate del 1967 il pittore Lucas dipinge il ritratto di tre sorelle: Maisie, Julia e Finn. Ma è la prima di queste, la più giovane che sembra trovare in lui una confidente cui raccontare la storia della loro casa, una vechia abbazia medievale e della famiglia. E sarà proprio nel corso di quell’estate che la vita delle tre sorelle e dei ragazzi a loro legati, Daniel, Nicholas e dello stesso Lucas cambierà per sempre.

E ventitre anni dopo, quando il ritratto delle tre Mortland verrà esposto in una retrospettiva delle opere di Lucas, davanti a esso si intrecceranno ancora una volta amori infedeli e violente passioni, fino a tornare a quel drammatico evento dell’estate del 1967 che ha lasciato qualcosa di irrisolto nella vita di tutti.

 

  COLORADO KID  -   Di STEPHEN KING  -  EURO 10,00  -  Sperling & Kupfer Editori 

Fresca di scuola di giornalismo, la giovane Stephanie McCann sta facendo uno stage presso il minuscolo quotidiano di un’impervia isoletta del Maine, dove si occupa di pic nic parrocchiali, sparizioni di gatti e altre amenità. Ma sente che l’esame più importante deve ancora arrivare…E infatti un solitario pomeriggio i due anziani proprietari, nonché unica forza lavoro, della testata, con il pretesto di raccontare un vecchio caso di cronaca l’avviluppano nelle spire di una vicenda inspiegabile e intrigante.

Una storia del passato che parla di una coppia di tenaci reporters e di un cadavere chiamato Colorado Kid, di una morte che forse era un omicidio, ma senza movente, senza alibi, con tempi impossibili e indizi assurdi. La loro storia, il loro mistero. Accaduto proprio lì. In venticinque anni ogni piccola, faticosa scoperta, anziché chiarire i fatti li ha ammantati di oscurità, ogni risposta anziché esaurire le domande le ha moltipliate. Perché? Riscirà Steffi a risolvere l’enigma? E soprattutto saprà coglierne il vero significato? In un romanzo in cui la forza narrativa di King fa crescere la tensione ad ogni pagina solo sussurrando, il re scherza con il noir alla maniera di Agatha Christie, Mickey Spillane, Edgar Allan Poe. Ma, soprattutto alla sua.

 

2006 NUOVE PAROLE - Un dizionario di neologismi dei giornali

Di VALERIA DELLA VALLE e GIOVANNI ADAMO - EURO 22,00 - Sperling & Kupfer Editori 

Attraverso la sistematica lettura di trentanove quotidiani italiani, dal 2003 al 2005, gli autori di questo libro hanno raccolto i neologismi che i politici, i commentatori, gli economisti, i personaggi della cultura e dello spettacolo hanno coniato per denominare oggetti, concetti o fenomeni non ancora conosciuti: novità della nostra lingua che non si trovano ancora nei dizionari ma che possono avere origine da parole già in uso, o dalla combinazione di due di esse, oppure possono essere state adattate da altre esistenti in lingue straniere. Un libro che testimonia una realtà mobile, fantasiosa, specchio di cambiamenti non solo linguistici ma anche sociali. Uno strumento di indubbia utilità per docenti, studenti, giornalisti, traduttori, interpreti e per tutti coloro che lavorano nei campi della comunicazione e dell’informazione.

 

Mappa del sito 

 

Home
Corso per le nuove professioni del giornalismo e della comunicazione
Corsi per URP e Uffici Stampa
Orientamento dei giovani al giornalismo
Corsi di cultura italiana
Italy in evidence
Bollettino Notizie e Commenti
Saggi e Studi di Pubblicistica
Novita in Libreria di Elisabetta Bernardini
Attivita editoriale - Istituto di Pubblicismo
Struttura e attivita