Libri Novità in Libreria

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006

2005

2004

Indice autori ed editori

Pubblicazioni e ricerca

Saggi e Studi di Pubblicistica

Notizie e Commenti

Italy in Evidence

Libri - Novità in libreria

CCIRS Newsletter

Attività editoriale

 

Mappa del sito

 

 

 

Libri

   Novità in Libreria 

2013

     a cura di Elisabetta Bernardini

 

       Recensioni di libri con particolare riguardo al tema 

        del dialogo interculturale.

 

              Interviste e articoli

 

 

 

TINTORETTO. LE VISIONI – MARIO DAL BELLO – LIBRERIA EDITRICE VATICANA

 

Numerosi i dipinti proposti in questo raffinato libro di Mario Dal Bello, che indaga l’epopea artistica del Tintoretto, pittore veneziano del ‘500 (1519-1594), animato da “un accento già romantico di sogni e visioni (…) che lo fanno sentire moderno, contemporaneo in quella voracità di immagini, nella tempesta di emozioni che non lascia nessuno indifferente”. I capolavori di Tintoretto sono stati suddivisi in varie sezioni: le storie sacre e profane, i temi mitologici, la ritrattistica, la pittura sacra. Segue una selezione di dipinti in ordine cronologico, e ciascuna delle opere scelte è accompagnata da una scheda approfondita che ne illustra significato, dettagli artistici e curiosità. Tintoretto ha dipinto moltissimo e ogni aspetto della vita: dalle battaglie alle stragi, dalle estasi alla vita quotidiana. “Terminate le sue visioni – nota l’autore – ci si sente pervasi da un’impetuosa voglia di vivere”.

 

Mario Dal Bello è scrittore, critico d’arte, di cinema e di musica. Collabora con diverse riviste e ad eventi culturali. Con la Libreria Editrice Vaticana ha pubblicato: “Lorenzo Lotto, un incontro” (2011) e “Raffaello. Le Madonne” (2012).

 

 

Le Ali è la nuova collana della Tunué che porta in libreria e fumetteria grandi graphic novel a un prezzo leggero.

 

«Le Ali» sono fatte a misura di lettore: il progetto, ispirato alle istanze del pubblico, raccolte attraverso un questionario cui hanno risposto migliaia di persone, è stato pensato per chi ama leggere ma non può dedicare a questa passione tutte le risorse economiche che vorrebbe. Per la realizzazione Tunué si è avvalsa del lavoro di: Fabrizio Verrocchi per il progetto grafico, Marco Cherubini e Alessandro Polia per la comunicazione istituzionale.

Il primo titolo della collana «Le Ali» è Rughe , il capolavoro di Paco Roca, disponibile da maggio in libreria e fumetteria e in anteprima al Napoli COMICON 2013, al prezzo di € 7,90.

 

I titoli di prossima uscita sono:

Il cadavere e il sofà di Tony Sandoval, un’avventura surreale e malinconica sulla seduzione dell’amore e il mistero della morte.

Sottobosco di Isaak Friedl, una proiezione inquietante e insieme ammaliante di un passato misteriosamente rimosso

L’inverno del disegnatore di Paco Roca, una testimonianza della difficile condizione dei più importanti autori di fumetti durante la dittatura di Franco in Spagna.

Passato prossimo di Emanuele Rosso, un paranormal romance dedicato agli amori di gioventù.

Le strade di sabbia di Paco Roca, una metafora dei labirinti quotidiani da cui è quasi impossibile uscire.

 

 

NOVITA’

EDIZIONI SAN PAOLO  www.edizionisanpaolo.it

EDIZIONI CONTRASTO www.contrasto.it

EDIZIONI PAOLINE     www.paoline.it

EDIZIONI CLAUDIANA  www.claudiana.it

EDIZIONI MURSIA      www.mursia.com

MONDADORI  www.mondadori.it

FANDANGO  www.fandango.it

PAOLINE     www.paoline.it

CONTRASTO www.contrasto.it

 

 

Neri Pozza Editore, in collaborazione con la Biblioteca Sormani, apre il Neri Pozza Book Club, che prenderà il via a maggio 2013

Sede: Biblioteca Sormani – Sala del Grechetto – Via Francesco Sforza, 7 – Milano

 

Il Direttore editoriale di Neri Pozza, Giuseppe Russo, e il Dirigente del settore biblioteche del Comune di Milano, Stefano Parise, daranno il benvenuto ai membri del Neri Pozza Book Club e illustreranno loro il senso del progetto e le modalità di svolgimento. L’idea del Neri Pozza Book Club nasce dall’adesione della casa editrice Neri Pozza e della Biblioteca Sormani a un più ampio progetto di collaborazione tra Biblioteche e Editori, portato avanti dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano. Il grande successo di Book City a Milano ha mostrato che esistono oggi una vitalità e una socialità culturale diffuse. Siamo profondamente convinti che occorra non dissipare tutto questo e si debbano costruire tante piccole istituzioni permanenti in cui si discuta di pensiero e di letteratura.

Lo scopo del Neri Pozza Book Club non è altro che questo.

In vista della presentazione ufficiale, vogliamo offrire alcune considerazioni sulle finalità del Book Club Neri Pozza.

Il Club comprende al suo interno dei gruppi di lettura, ma non è un Reading Group. Come indica il nome, è un club che, come ogni club, presuppone la libera condivisione di un progetto. Vi aderisce liberamente chi è interessato al progetto letterario della Neri Pozza. La sua nascita dipende da una nostra profonda convinzione. Siamo certi che, per molteplici ragioni, il nostro tempo non sia già più quello dell’editoria generalista, ma dell’editoria come progetto, capace di mostrare, nelle scelte e nel programma, una propria idea della letteratura e del pensiero. Un’editoria così fatta, come dimostrano le migliori esperienze del passato, ha bisogno di costruire attorno a sé (il nome non spaventi) una società letteraria, fatta di lettori attenti al suo catalogo, di critici in grado di analizzare le sue scelte, di scrittori che si identifichino in una certa idea della letteratura, di pensatori che condividano un determinato programma di ricerca. Il Club, perciò, non ha alcuna finalità di marketing, ma soltanto letteraria. I gruppi di lettura leggeranno in anteprima le opere, già editate e non modificabili in alcun modo, a un solo scopo: prepararsi all’incontro con l’autore in maniera critica pertinente e contribuire, attraverso il blog del Club, alla discussione attorno alle opere e alla loro recezione. I membri del Club inoltre parteciperanno agli incontri indetti dalla casa editrice sui temi e sulle linee di ricerca della letteratura e del pensiero contemporanei, così come accadeva fino agli anni Settanta nelle grandi case editrici di cultura e nelle librerie di tendenza del tempo.

 

 

 

LA PRIMA POLITICA E’ VIVERE – MAURIZIO LUPI – ED. MONDADORI

 

Maurizio Lupi è un cattolico impegnato in prima linea nella cosa pubblica. È stimato dai suoi elettori, ma anche dagli avversari politici. Eppure in un momento storico travagliato e difficile come quello che stiamo vivendo – che vede il riemergere della questione morale, la drammatica crisi economica e una politica percepita come sempre più lontana e luogo di privilegi – ci sono alcune scottanti domande che molti cittadini, critici, giornalisti gli pongono, attraverso articoli, lettere o negli incontri pubblici: cosa vuol dire essere morale per un politico? Vita privata e responsabilità pubblica coincidono? Quando una legge è giusta? È coerente che un cattolico faccia politica insieme a persone di diversa estrazione, stile e cultura? Per provare a rispondere a questi interrogativi, da lui stesso avvertiti con urgenza, Maurizio Lupi ripercorre il suo personale cammino, che si intreccia profondamente con la nostra storia recente, con i temi e le questioni fondamentali della politica e della società italiana. L’incontro con don Giussani e Comunione e Liberazione. Le esperienze manageriali in Lombardia nei primi anni Novanta, a contatto con il tessuto produttivo del Paese. I primi passi in politica come assessore comunale nella giunta Albertini, laboratorio del centrodestra che sarà. La battaglia per l’affermazione del principio di sussidiarietà che porterà, anni dopo, alla nascita di un gruppo parlamentare bipartisan. E poi, ancora, la nomina a vicepresidente della Camera…

 

 

RITRATTI DI VITA – MICHELE SALVIOLI – EUROPA EDIZIONI

 

Teresa è una giovane pittrice napoletana che insegna Storia dell’arte da precaria ma nei weekend si dedica alla sua vera passione: dipingere. I suoi quadri, che ogni tanto espone trovano diversi estimatori ma la sua modestia le impedisce di dar loro un valore economico e di venderli. Le sue creazioni sono per lei come dei figli dai quali non riesce a separarsi. Teresa è fidanzata da una vita con Nicola, ma i due non convivono ancora nonostante ne abbiano la possibilità. Nicola mentre lei è in vacanza a Parigi la tradisce e Teresa quando lo viene a sapere reagisce con il silenzio non solo nei confronti di Nicola ma anche verso le sue amiche che lo vengono a sapere dopo molti mesi, quando i due tornano insieme. Ma qualcosa cambia nella vita di Teresa, dopo diversi anni rincontra Mattia, un ragazzo che aveva conosciuto proprio in quella fatale vacanza a Parigi. Grazie all’intraprendenza di Mattia Teresa trova una grande possibilità per fare della sua passione un lavoro. Mattia ha una amica, Mentari, che lavora ad Hong Kong in una prestigiosa galleria e decide di mettersi in viaggio per promuovere le opere di Teresa. Il viaggio d’affari diventa anche una breve ma intensa parentesi di passione con Mentari, ma il successo più importante arriva con il parere positivo della galleria che stila una proposta di contratto per Teresa. Tornato a Napoli Mattia può finalmente dare la bella notizia alla sua amica, poi le loro strade si dividono. Nella stessa notte Mattia trova l’amore, aveva girato mezzo mondo per realizzare il sogno di una ragazza che non avrebbe mai potuto amare, lì aveva trascorso giorni di passione con una ragazza troppo lontana per poterci costruire una relazione e ora scopriva Valentina, una ragazza che conosceva da anni ma che non aveva mai guardato veramente.

 

 

IN LIBRERIA NON SOLO LIBRI

 

GLI ALUNNI DEL SOLE – LA STORIA… IL SOGNO

Il sogno che svanisce – Quarantacinque anni… la storia - ICE RECORDS - www.alunnidelsole.it

 

Passato e presente si incontrano nella nuova produzione musicale degli Alunni del sole, gruppo capitanato da Paolo e Bruno Morelli, i due fratelli leader di una delle band più popolari della scena della Musica leggera italiana, nata sul finire degli anni ’60. Dal 1968 ad oggi, Gli alunni del sole (il nome preso da un romanzo di Giuseppe Marotta) hanno scritto, composto e cantato canzoni divenute celebri: L’aquilone, Concerto, Jenny, ‘a Canzuncella, Liù… solo per citarne alcune, ora raccolte nel doppio CD insieme a quelle nuove de “Il sogno che svanisce” che, con la canzone omonima, ci regala momenti di magico ascolto: I giorni dell’amore, E pensare, Oltre l’amore, La storia infinita, ‘na Canzone (interpretata in napoletano, anche da una inedita Patty Pravo che l’ha incisa in un CD per  festeggiare i suoi 65 anni n.d.r.), Fuochi d’artificio, L’acqua ca vene e va, Ci vorrebbe un altro caffè, Ancora più di ieri. Brani che ci conducono, uno dopo l’altro, lungo un percorso dove il sogno e la realtà si intrecciano, sullo sfondo di uno dei temi a loro più cari, il tanto cantato “amore” che da sempre accompagna le loro dolci melodie.

 

 

 

 

 

La porta del Paradiso - Alfredo Colitto - Pagine: 460 Prezzo: 9,90 www.alfredo-colitto.com  - EDIZIONI PIEMME 2013

 

Dal 1300 al 1600, dalle calli e dai canali dell’oscura Venezia medievale de Il libro dell’angelo, a una Napoli splendida e sordida a cui fa da contraltare tutta la suggestione del Messico coloniale nel periodo in cui in Europa infuria la guerra dei Trent’anni. Lasciato indietro il medico bolognese Mondino de Liuzzi e la sua serie (prima de Il libro dell’angelo 2011, Cuore di ferro 2008 e I discepoli del fuoco), Alfredo Colitto torna con La porta del paradiso. Non un thriller questa volta? Se già il genere thriller stava stretto al precedente, come scrisse l’Unità, un libro al crocevia tra avventura, religione, amore, politica, spionaggio - secondo Il Giornale -, ma un romanzo storico che strizza l'occhio all’avventura nella migliore tradizione dei grandi romanzieri francesi, incalzato com’è da appassionanti vicende tra Europa e Sudamerica, l’incontro tra culture diverse e rocamboleschi viaggi per mare. Un intreccio, anzi due, quello napoletano e quello messicano che abbraccia un decennio di storia e di emozioni, positive e negative: l’amore, l’affetto, l’amicizia, la vendetta, l’avidità, il rancore. E se il thriller medievale ha fatto di Colitto uno scrittore sempre più amato dalla critica e dai lettori, oltre che un autore internazionale tradotto in sette lingue e pubblicato in ben ventuno paesi (dall’Inghilterra all’Irlanda alla Francia alla Germania alla Spagna, arrivando fino in Brasile, Serbia e Turchia, più Messico, Argentina, Cile, Perù e Canada, e poi ancora Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, India, Indie Occidentali, Giamaica, Hong Kong e Singapore), La porta del paradiso, romanzo autonomo rispetto ai precedenti, nasce proprio dal desiderio di raccontare una storia di più ampio respiro per scrivere la quale Colitto si è trasferito a Napoli, città che più di altre ha vissuto il peso della dominazione coloniale. “Mi affascinava la possibilità - racconta lo scrittore -, di far vivere i miei personaggi nella cornice di splendore e miseria della Napoli del XVII secolo, dove i nobili vivevano al di sopra delle loro possibilità e il popolo era schiacciato dalle tasse imposte dagli spagnoli per finanziare la cosiddetta Guerra dei Trent’Anni”. Condizione che Leone Baiamonte, il giovane nobile protagonista, così come altri personaggi, vive sulla sua pelle trovandosi a interagire anche con personaggi storici reali, come Masaniello e don Giulio Genoino. Baiamonte attraverserà poi l’oceano a bordo di un galeone spagnolo della Flota de Indias approdando in Messico con l’intenzione di sfruttare una miniera d’argento scoperta da uno zio missionario. È la genesi delle due storie parallele, quella messicana e quella napoletana, che per un certo tempo si svolgeranno in parallelo per poi riunificarsi nei capitoli finali? Mentre in Europa infuria la guerra dei Trent’anni, a Napoli il giovane nobile Leone Baiamonte scopre che la sua famiglia è stata rovinata da un perfido usuraio, Giorgio Terrasecca. Leone si assume il compito di risollevarne le sorti, ma macchiatosi di una grave colpa è costretto a lasciare la futura sposa Lisa e imbarcarsi su un galeone spagnolo diretto in Messico con una condanna a morte per omicidio che pende sulla sua testa. Laggiù, uno zio missionario ha scoperto una preziosa miniera d’argento e, pur inesperto, Leone ha accettato il suo invito a gestirla, confidando così di poter dare sostegno alla sua famiglia e serbando in cuore la segreta speranza di riabbracciare Lisa. Ma nel Nuovo Mondo l’odio della bella e potente Socorro, l’amore per un’indigena dagli occhi profondi e gli intrighi della Chiesa interferiranno con i suoi progetti, rendendo l’impresa molto ardua.

 

Alfredo Colitto è nato a Campobasso e vive a Bologna. È noto al grande pubblico soprattutto per i thriller storici pubblicati con Piemme che hanno come protagonista il medico Mondino de Liuzzi: Cuore di ferro, I discepoli del fuoco (vincitore del Premio Mediterraneo del Giallo e del Noir e del Premio di letteratura poliziesca Franco Fedeli) e Il libro dell’angelo (vincitore del premio Azzeccagarbugli 2011).

 

 

LIBRERIA EDITRICE VATICANA

 

Lerotopi cristiani. Le chiese secondo il magistero - Tiziano Ghirelli - Libreria Editrice Vaticana.

 

Nel poderoso volume sono analizzate le tipologie degli edifici ecclesiali dai primissimi secoli della Chiesa fino ad arrivare a quanto, negli ultimi decenni, gli episcopati di diverse nazioni europee e americane hanno indicato come elementi indispensabili per la qualificazione del luogo deputato alla celebrazione rituale. E’ un percorso che prende in considerazione istanze teologiche e storiche degli spazi liturgici, in un momento storico come l’attuale in cui non mancano forti tensioni nell’ambito del “popolo di Dio” in merito a forme, apparati e luoghi cultuali. L’indagine e la riflessione e il conseguente processo conoscitivo parte proprio da queste dialettiche interne alla Chiesa per capire se e come, a mezzo secolo dalla grande riforma del Concilio Vaticano II, sono stati recepiti gli stimoli della Costituzione liturgica Sacrosanctum Concilium. La prospettiva perciò non vuole essere immediatamente teologica ma piuttosto legata al pensiero teologico ed ecclesiologico nel tempo e nello spazio attraverso le manifestazioni sensibili che ne sono espressione: quelle architettoniche e artistiche.

 

Mons. Tiziano Ghirelli è presbitero della diocesi di Reggio Emilia. Direttore dell’ufficio diocesano beni culturali e nuova edilizia del Culto e del Museo Diocesano di Reggio Emilia è al presente membro del Comitato scientifico dell’Osservatorio Nazionale sull’Architettura dei Luoghi per la Liturgia. Ha al suo attivo docenze di livello universitario e saggi sul rapporto tra Arte e Liturgia.

 

 

EDIZIONI SAN PAOLO 2013

 

GESÙ

 

Chi era veramente Gesù: un profeta, un riformatore, il Messia atteso da Israele? Pensava di essere il Figlio di Dio? Per quali ragioni è stato giustiziato, e per ordine di chi: dei Romani o delle autorità giudaiche di Gerusalemme?

 

Jean-Christian Petitfils riaccende il dibattito su Gesù con un libro che ricostruisce con precisione ed esattezza storica la vita e il temperamento di Gesù, ricollocandolo nell’ambiente religioso, culturale e politico della Palestina del suo tempo.

 

 

IL VANGELO SECONDO GLI ITALIANI

 

Francesco Anfossi, giornalista di «Famiglia Cristiana», e Aldo Maria Valli, vaticanista del TG1, si addentrano in un’inchiesta a tutto campo sui cattolici in Italia: siamo realmente un paese cattolico? E cosa pensano coloro che si dichiarano tali su questioni come potere, sesso, denaro e spiritualità? Come vivono questa loro appartenenza? Nel momento in cui il ruolo dei cattolici in politica torna a far notizia, un volume che sconcerta ma allo stesso tempo alimenta la speranza.

 

 

LA TERZA FAMIGLIA

 

Come scrive Gustavo Pietropolli Charmet nella prefazione del volume: «La rete è diventata la nuova famiglia dei nostri figli» che si affianca a quella naturale e a quella sociale, quest’ultima formata da amici e compagni di scuola. Prova ne sono anche i drammatici fatti di cronaca dei giorni scorsi. La terza famiglia mette a confronto l’influenza che può avere nell’adolescenza il gruppo di amici più intimo, con quelle che esercitano l’appartenenza a un social network e la famiglia naturale, non per costruire una gerarchia ma per aiutare genitori ed educatori nel loro compito.

 

 

L’OSPITALITÀ

 

Pierre-François de Béthune, monaco benedettino, è uno dei personaggi più noti e impegnati nel dialogo interreligioso. In questo libro, raccontando i suoi incontri e le iniziazioni ricevute negli scambi spirituali, ci confida la sua scoperta: è possibile mettere d’accordo il legame senza riserve al Cristo e l’apertura incondizionata agli altri, proprio nel suo nome.

 

 

NUOVA VERSIONE DELLA BIBBIA DAI TESTI ANTICHI

 

Nel mese di gennaio la prestigiosa collana Nuova Versione della Bibbia dai Testi Antichi si arricchisce di due nuovi testi: Genesi 1-11 e Proverbi. Il volume dedicato alla Genesi, curato da Federico Giuntoli, comprende i primi 11 capitoli del libro, dalla creazione alla torre di Babele, di particolare importanza perché, citando Platone: «Il principio è la parte più importante di ogni opera». Sebastiano Pinto è invece il curatore di Proverbi. La serie è diretta da Massimo Grilli, Giacomo Perego e Filippo Serafini

 

 

IL TERZO REICH CONTRO PIO XII

 

Pio XII fu davvero amico di Hitler e dei nazisti? Pier Luigi Guiducci in questo saggio rigoroso e ricco di documentazione (gran parte della quale inedita), fa luce sulla vicenda e spazza via ogni minimo sospetto sulla figura di papa Pacelli. Dagli archivi emerge che i gerarchi nazisti espressero valutazioni ostili nei confronti del Papa fin dagli anni precedenti la sua elezione e che Pio XII tenne sì aperti i canali diplomatici con la Germania, ma solo per non privarsi della possibilità di intervenire a favore dei diritti umanitari.

 

 

NARRATIVA SAN PAOLO RAGAZZI

 

LA PERLA

 

«Con poesia sa parlare del dolore, con tocco leggero ti fa sorridere, pensare, riflettere, piangere. È un mistero come Chiara riesca ad arrivare così in profondità, a trasmetterci tutta quella serenità». (Cinzia Th. Torrini). La storia di una bellissima perla nata dal dolore di una conchiglia, raccontata da Chiara M. e illustrata da Marta Carraro.

 

 

CREDO LA VITA ETERNA

 

Il cardinale Carlo Maria Martini è stato in grado, come pochi altri, di unire alla profondità dei contenuti e alla capacità di attualizzarli una comunicatività in grado di attirare e coinvolgere, sia per la forza argomentativa del pensiero, sia per l’intensità dell’esperienza spirituale che trasmetteva. Le sue parole erano, e restano ancora oggi, rivolte a credenti e non credenti con l’autorevolezza del maestro di fede che insegna le verità del Vangelo, ma anche con l’immediatezza e la semplicità del compagno di viaggio.

www.edizionisanpaolo.it

 

 

EDIZIONI PIEMME

 

Noi siamo Anonymous - Parmy Olson - Pagine: 500 Prezzo: 19,00 – Titolo originale: We are anonymous - http://www.edizpiemme.it/libri/noi-siamo-anonymousTitolo

 

Scrive Wired: È difficile parlare di Anonymous: è una non organizzazione di gente a cui piace fare scherzi trasformatasi in attivista trasformatasi in hacker e poi finita in un calderone caotico e drammatico di applicazione della legge. Una storia che è difficile da capire, e difficile da scrivere. Eppure lei c’è riuscita.

 

Parmy Olson, giornalista e caporedattrice di Forbes Londra, è riuscita a fare ordine nel disordine, a dare nomi agli Anon, gli anonimi, o almeno, certo ad alcuni di loro. È riuscita, da donna, a infiltrarsi in una sommersa, criptica, non ben definita sottocultura maschile e a tornarne in superficie con notevoli interviste agli antieroi di Anonymous, scrive il Washington Post. Il suo lavoro è Noi siamo Anonymous, 4 stelle su Goodreads, pubblicato negli States per i tipi di Randome House lo scorso giugno. Dove Anonymous, di cui tutti abbiamo almeno una volta sentito parlare, è un collettivo di hacker  e non solo – attivisti internettiani, una forza politica, una legione nell’ombra, una maschera mobile e imprevedibile temuta dai potenti che non ha un’organizzazione centrale né membri ufficiali. Se credi in Anonymous e ti definisci tale sei un Anonymous. Questo da fuori. Da dentro, un mondo paranoide i cui abitanti non si fanno mai domande personali e normalmente mentono sulle loro vite per proteggersi, scrive la Olson. Chi sono gli Anonymous? Più difficile dirlo ma per la maggior parte ragazzi o addirittura ragazzini britannici, americani, irlandesi, ma anche professionisti  sotto copertura, in ogni caso, dice la Olson, non sono persone normali in circostanze eccezionali. Ma persone straordinarie in circostanze straordinarie. Come Jake Davis, alias Tapiary, con cui la giornalista è entrata in confidenza, 19 anni, delle isole Shetland, l’anno scorso uno degli uomini più ricercati del pianeta oggi libero sotto cauzione e in attesa di giudizio. Accusato di 5 reati di hackeraggio è il geniale comunicatore di LulzSec, un ramo dissidente di Anonymus -, come si legge sulla Kirkus – quello in cui la Olson è entrata in profondità. Che cosa fanno gli Anonymous, che cosa hanno fatto? La loro storia comincia così?

 

 

EDIZIONI PAOLINE 2013

 

Siamo tutti migranti - Vittorio De Luca

 

Un testo che, partendo dai dati oggettivi e dalle statistiche più aggiornate, cerca di dare un contributo alla riflessione sul tema, ribadendo due concetti fondamentali: da una parte, la migrazione (come dice il titolo stesso del libro) è una caratteristica fisiologica del genere umano; dall’altro, l’immigrazione in Italia non è un peso ma una risorsa.

 

 

Il mio braccio sopra il tuo

 

Testo teatrale per bambini con una forte valenza pratica, sia perché utilizza uno strumento particolarmente efficace come il teatro, sia perché è collegato ad un concorso creativo per le scuole e altre aggregazioni per aiutare i bambini a capire che le differenze possono essere occasione di crescita invece che un limite e una difficoltà. Un modo ancora più coinvolgente ed efficace per trasmettere ai più piccoli il senso e il valore dell’accoglienza e del rispetto dell’altro.

 

 

Amici vicini e lontani - Dolores Olioso

 

Collana sulla multiculturalità: un progetto didattico per la scuola dell’infanzia e i primi anni della primaria, finalizzato a promuovere la convivenza attraverso la musica, la drammatizzazione e diverse proposte operative.

 

 

Libricini di preghiere bilingue:

 

Padre nuestro y otras oraciones, in italiano e spagnolo, dedicato alle comunità latinoamericane;

 

Ama namin at iba pang mga panalangin, in italiano e tagalog, rivolto alla numerosa comunità filippina residente in Italia. 

I libricini sono introdotti da una lettera di mons. Giancarlo Perego, Direttore Generale della Fondazione Migrantes, che illustra bene come la preghiera abbia la forza di tenere uniti gli immigrati ai loro Paesi e ai loro cari lontani, creando al tempo stesso avvicinamento e comunione con le persone con cui vivono in questo momento.

 

 

NOVITA’ IPERBOREA

 

Sangue caldo, nervi d’acciaio - Arto Paasilinna - € 15,00 – pp.242 - Isbn: 9788870915099 – N. 209 - Titolo Originale: Kylmät hermot, kuuma veri - Traduzione di Francesco Felici e Postfazione di Goffredo Fofi

 

Linnea Lindeman, pescatrice infaticabile, cacciatrice di foche, levatrice, oltre che sciamana e onorata divinatrice, una ventosa giornata d’autunno, in mezzo al mare in tempesta, ha una visione: nel 1918, in una Finlandia che ha da poco conquistato l’indipendenza, scoppierà la guerra civile. E quello stesso anno nascerà Antti Kokkoluoto, un uomo destinato a formidabili imprese, un eroe dal sangue caldo e dai nervi d’acciaio come vuole la tradizione dei grandi finlandesi, la cui esistenza attraverserà tutto il Novecento, per spegnersi solo il 12 luglio 1990. Forte della profezia di lunga vita, Antti si lancerà spavaldo nelle avventure più folli, da mercante di cavalli sulle orme del padre Tuomas a contrabbandiere di alcolici come sua madre Hanna, da imprenditore illuminato a intrepido soldato al fronte, da campione olimpico di tiro al bersaglio a leader dei socialdemocratici. Sullo sfondo la crisi del ’29, le lotte tra fascisti e comunisti, la Guerra d’Inverno e le altre, e una strampalata galleria di patrioti, anarchici e ribelli del quotidiano, tutti armati di quella paasilinniana leggerezza che si fa beffe di ogni retorica e fanatismo. La tragicomica epopea di una famiglia comune e “appena più vera del vero” diventa la chiave per capire le speranze e le paure di un popolo travolto da una Storia tra le più complesse del secolo scorso. E i modi con cui ha cercato di resistere.

 

Arto Paasilinna è un autore di culto in Finlandia molto amato anche all’estero per il travolgente humour e la capacità di raccontare ridendo anche le storie più tragiche. Dopo L’anno della lepre, che ha superato le 100mila copie in Italia, Iperborea ha pubblicato altri nove romanzi. L’ultimo, da ottobre nelle librerie, è Sangue caldo, nervi d’acciaio.

 

 

Il libro di Natale - Selma Lagerlöf - pp. 120 – € 12,50 - Isbn: 978-88-7091-510-3 – N. 210 - Titolo originale: Julklappsboken och andra berättelser - Postfazione e traduzione dallo svedese di Maria Cristina Lombardi

 

Il Natale con le sue leggende, il buio dell’inverno svedese, il calore delle storie accanto al fuoco, la nostalgia di antichi ricordi, l’immensità della natura, ma anche la piccola dose di crudeltà tipica della tradizione delle fiabe popolari sono le atmosfere che si respirano negli otto magistrali racconti della narratrice svedese Selma Lagerlöf, Premio Nobel 1909, “la più grande scrittrice dell’Ottocento”, secondo Marguerite Yourcenar. L’incipit da “ C’era una volta” risveglia l’incanto delle storie dell’infanzia, ma basta un incontro inatteso, un gesto, una parola perché ci sia un piccolo scatto, una deviazione: dal mondo delle fiabe si passa a quello degli uomini, resi più umani da quel lampo d’illuminazione. Un regalo sbagliato che apre le porte a una nuova conoscenza, un’intuizione metafisica evocata da una modesta trappola per topi, un segno divino custodito nel foro di un proiettile in un teschio: c’è sempre una fede che fa da leva all’immaginazione e questa, spesso, a una redenzione. Il tono è solo apparentemente ingenuo, è un trucco del mestiere di un’artista che sa trasformare il folklore delle tradizioni nordiche in storie senza tempo di grande e semplice profondità. Perché è la complessità che si nasconde dietro la normalità a interessarle, la ricca varietà della vita, e la buona novella che c’è sempre un destino diverso che aspetta chi lo vuole cercare. Anche in un libro regalato a Natale.

 

Selma Lagerlöf è forse la scrittrice svedese più nota e amata al mondo. Nata nel 1858 a Mårbacka, nel Värmland, è destinata a diventare, da maestra elementare, primo Premio Nobel svedese nel 1909 e prima donna nominata fra gli Accademici di Svezia nel 1914. Dalla Saga di Gösta Berling (1821) al Viaggio meraviglioso di Nils Holgersson (1907), indiscusso capolavoro e grande successo editoriale che le valse una fama mai concessa ad alcun connazionale, le sue opere sono state tradotte, filmate, illustrate in tutto il mondo. La Saga di Gösta Berling ha ispirato l’omonimo film di Mauritz Stiller (1923) con Greta Garbo in uno dei ruoli principali e l’opera I cavalieri di Ekebù musicata da Riccardo Zandonai. Iperborea ha pubblicato L’imperatore di Portugallia (1991), L’anello rubato (1995), Jerusalem (1997) e la Saga di Gösta Berling (2007).

 

 

 NOVITA’ CLAUDIANA

 

In viaggio con Bach. Una guida di viaggio biografica - Gianni LONG - pp. 176, euro 15,00 - Prefazione di Holger Milkau - http://www.claudiana.it/php/mostrascheda.php?nscheda=9788870169133

 

Gianni Long scrisse ormai parecchi anni or sono una notevole biografia di Bach, il musicista teologo: ora gli ha dedicato un altro omaggio scrivendo questo libro che, prendendo le mosse dai luoghi bachiani, offre un’ampia e vivace presentazione della vita e dell’opera del musicista. È un volume abbondantemente illustrato e curato graficamente che non solo è utile a chi abbia intenzione di compiere un viaggio sulle sue orme (con preziosi suggerimenti nascenti dall’esperienze di molteplici viaggi), ma che può interessare e incuriosire per le molte informazioni contenute tutti coloro che amano la musica di Johann Sebastian Bach. «L’intenzione del libro non è solo quella di far conoscere l’ambiente geografico e storico in cui visse e lavorò Bach e di far trovare così nel genius loci un pizzico della quotidianità di un uomo storicamente ormai lontano da noi, ma è soprattutto l’invito a confrontarsi con la sua testimonianza musicale e conoscere così meglio il suo modo sentire e vivere la fede» (dalla Prefazione di Holger Milkau). Link del saggio: http://www.claudiana.it/pdf/9788870169133-saggio.pdf

 

 

OMBRE - Mimmo Paladino e Ferdinando Scianna - FORMATO: 28 x 19 cm - PAGINE: 160 - PREZZO: 35,00 euro

30 riproduzioni di incisioni all’acquaforte e dodici impressioni al carborundum di Mimmo Paladino;

30 fotografie in b/n di Ferdinando Scianna

CONFEZIONE: cartonato

 

“L’Ombra seduce e minaccia, sfugge a qualsiasi trappola. Rimane testardamente incollata al corpo: certifica, saldata al suolo, la caduca, mortale presenza nostra e delle cose. Non si può, proprio non si può, in questo mondo, non avere un’ombra”. Con queste parole Corrado Bologna introduce il libro, originale e intenso, in cui le fotografie di Ferdinando Scianna e le acqueforti di Mimmo Paladino intrecciano un dialogo a distanza intorno al tema dell’ombra e del doppio, della luce – essenza della fotografia – e del suo tenebroso contrario. Le 42 opere grafiche di Paladino e le 30 fotografie di Scianna sono accompagnate da una selezione di testi d’autore, curata da Corrado Bologna, che indagano ancora di più i misteriosi rimandi culturali e poetici dell’ombra e della luce. Una lunga sequenza di opere in bianco e nero, dove la luce gioca con l’ombra, accompagnata da testi di autori come Omero, Leonardo da Vinci, James Matthew Barrie, Hegel e Giorgio Manganelli. Il libro dà vita ad un connubio artistico di indubbia forza espressiva, sul quale lo stesso Paladino ha scommesso senza esitazioni: «Perché amo la fotografia, e il suo linguaggio. Che esiste grazie alla luce, e di conseguenza anche grazie all’ombra». Scianna, da parte sua, conferma: «L’idea nasce dal piacere di stare e lavorare insieme con Mimmo: è per questo che spero funzioni». Una comunanza di estetica che si cala in nell’oggetto libro, così le pagine di Ombre prendono forma, ritrovandosi una accanto all’altra. «Da uomo, da fotografo del sud – continua Scianna – ho sempre avuto un intenso rapporto con la luce. Il sole mi interessa perché fa ombra, ma anche perché rappresenta l’universo opposto e complementare a quello dell’oscurità. La luce simboleggia un modo di essere che nasce da vicende esistenziali e diventa anche un modo di guardare il mondo».

“L’Ombra seduce e minaccia, sfugge a qualsiasi trappola. Rimane testardamente incollata al corpo: certifica, saldata al suolo, la caduca, mortale presenza nostra e delle cose. Non si può, proprio non si può, in questo mondo, ‘non avere un’ombra’. Non può alcun essere umano, giacché guarda impotente, con timore, il proprio sdoppiamento imperfetto che scivola al suolo, dal lato opposto ai raggi del sole. Paladino e Scianna, in due percorsi autonomi ma paralleli che paiono scanditi da una segreta metrica spirituale, ritmano un’imbastitura di punti di fuoco, di ritorni, in pagine talvolta speculari per ermetica consonanza, che condividono l’inganno lucido del Mondo Fluttuante”.

 

Mimmo Paladino nasce a Paduli (BN), nel 1948. Nel 1968 realizza una prima mostra presentata da Achille Bonito Oliva, alla Galleria di Portici. Nel 1978 è a New York dove inaugura, l’anno successivo, mostre personali alla Marian Goodman Gallery e alla Annina Nosei Gallery. Nel 1980 lo stesso Achille Bonito Oliva invita Mimmo Paladino alla sezione “Aperto ’80” della Biennale di Venezia: la mostra segnerà la nascita della Transavanguardia. Grazie a mostre itineranti a personali l’arte di Paladino viene conosciuta all’estero, dove riscuote immediatamente larghi consensi. Nel 1981 partecipa alla mostra “A New Spirit in Painting” alla Royal Academy of Art di Londra. Un anno dopo partecipa a “Documenta 7” a Kassel e alla Biennale di Sidney e realizza la sua prima scultura in bronzo, “Giardino Chiuso”. Nel 1988 espone in una mostra personale alla Biennale di Venezia. Nel 1994 è il primo artista contemporaneo italiano a esporre in Cina, alla Galleria Nazionale delle Belle Arti di Pechino. Nel 2003 il Centro di arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato gli dedica la più completa mostra retrospettiva organizzata da un museo italiano. A Napoli al Museo di Capodimonte nel 2005 presenta un lavoro dedicato a Don Chisciotte che prelude Quijote, il lungometraggio che l’artista dirigerà l’anno successivo. Nel 2011 la città di Milano dedica al maestro una grande retrospettiva a Palazzo Reale, davanti al quale, in piazzetta Reale, viene installata la monumentale “Montagna di sale”. Curioso indagatore e insaziabile sperimentatore di ogni tecnica artistica, Paladino si dedica negli anche all’attività incisoria. L’acquaforte, l’acquatinta, la linoleografia, la xilografia interpretano magistralmente il carattere delle sue figure primordiali.

 

Ferdinando Scianna nasce a Bagheria in Sicilia, nel 1943. Comincia a fotografare negli anni ’60, mentre frequenta la facoltà di Lettere e Filosofia all’Università di Palermo. In questo periodo fotografa, in modo sistematico, la sua terra, la sua gente, le sue feste. Nel 1965 esce il volume Feste Religiose in Sicilia, con un saggio di Leonardo Sciascia: ha così inizio una lunga collaborazione e amicizia tra Scianna e lo scrittore siciliano. Pochi anni più tardi, nel 1967, si trasferisce a Milano. lavora per L’Europeo come reporter, poi come corrispondente da Parigi, città in cui vivrà per dieci anni. Nel 1977 pubblica in Francia Les Siciliens (Denoel), con testi di Dominique Fernandez e Leonardo Sciascia, e in Italia La villa dei mostri, sempre con un’introduzione di Sciascia. A Parigi scrive per Le Monde Diplomatique e La Quinzaine Littéraire e soprattutto conosce Henri Cartier-Bresson, le cui opere lo avevano influenzato fin dalla gioventù. Il grande fotografo lo introdurrà nel 1982, come primo italiano, nella prestigiosa agenzia Magnum. Dal 1987 alterna al reportage la fotografia di moda riscuotendo un successo internazionale. È autore di numerosi libri fotografici e svolge da anni un’attività critica e giornalistica; ha pubblicato moltissimi articoli su temi relativi alla fotografia e alla comunicazione per immagini in generale.

 

Corrado Bologna nasce a Torino nel 1950. Insegna Filologia e linguistica romanza nell’Università di Roma Tre. Fra i temi della sua ricerca la cultura e poesia dei primi trovatori, il Romanzo di Alessandro, la tradizione dei classici italiani, l’opera di Dante, Petrarca, Ariosto, Guicciardini, Manzoni, Gadda, Roberto Longhi, il Don Chisciotte nel quadro della tradizione epico-cavalleresca italiana e spagnola, la vocalità, il rapporto fra immagini e testi nella cultura occidentale. Tra le sue pubblicazioni: l’edizione commentata del Liber monstrorum de diversis generibus (Bompiani, Milano 1977); Flatus vocis. Metafisica e antropologia della voce, con prefazione di P. Zumthor (Il Mulino, Bologna 1992); Tradizione e fortuna dei classici italiani (2 volumi, Einaudi, Torino 1993); Alessandro Magno nel Medio Evo occidentale, in coll. con P. Boitani, A. Cipolla, M. A. Liborio (Fondazione Lorenzo Valla, Milano 1997); La macchina del «Furioso». Una lettura delle «Satire» e dell’«Orlando» (Einaudi, Torino 1998); Il ritorno di Beatrice. Simmetrie dantesche fra «Vita Nova», petrose e «Commedia» (Salerno, Roma 1998); Il trattato del Quattro e Cinquecento (Istituto Poligrafico dello Stato, 2000); La prosa del Due e del Trecento (Istituto Poligrafico dello Stato, 2005).Ha curato fra l’altro le edizioni italiane di: K. Kerényi, Nel labirinto, Boringhieri, Torino 1983; J. Starobinski, Il ritratto dell’artista da saltimbanco, Boringhieri, Torino 1984; G. R. Cardona, I linguaggi del sapere, Laterza, Roma-Bari 1990; E. R. Curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino, La Nuova Italia, Firenze 1992; M. de Unamuno, Vita di don Chisciotte e Sancio Panza, Bruno Mondadori, Milano 2005; E. Castelli Gattinara, Il demoniaco nell’arte, Bollati Boringhieri 2007; F. Pessoa, Libro dell’Inquietudine, Einaudi, Torino 2012.

 

 

Mappa del sito 

 

Home
Corso per le nuove professioni del giornalismo e della comunicazione
Corsi per URP e Uffici Stampa
Orientamento dei giovani al giornalismo
Corsi di cultura italiana
Italy in evidence
Bollettino Notizie e Commenti
Saggi e Studi di Pubblicistica
Novita in Libreria di Elisabetta Bernardini
Attivita editoriale - Istituto di Pubblicismo
Struttura e attivita
Teche digitali Digital Data Services